Prima di acquistare le tende da sole, facciamoci qualche domanda

Soprattutto con l’avvicinarsi della stagione calda, con l’aumentare delle giornate di sole e delle temperature, in molti si fa strada la decisione di investire qualche euro per acquistare delle tende da sole: Milano come Roma, Torino come Firenze, ormai tutte le città ormai si colorano in estate con l’aprirsi di queste tende sopra le finestre delle villette come dei condomini. E fra queste, sicuramente il modello più diffuso è quello retraibile, che con la sua versatilità e semplicità d’installazione risponde perfettamente a molte diverse esigenze d’uso. Ma per scegliere bene, per essere sicuri di non comprare un modello inadatto a noi, quali domande dobbiamo porci?

– Qual è effettivamente il clima, dove abitiamo?
Una tenda da sole si usa soprattutto in estate, quando il tempo è asupicabilmente sempre, o quasi sempre, bello e soleggiato. Ma cosa accade quando le cose non stanno così? La risposta influenza molto la scelta dell’esatto modello di tenda. Se ad esempio ci sono piogge frequenti, anche quotidiane, seppure siano magari solo un intervallo durante una giornata per il resto serena e soleggiata, potrebbe essere poco pratico dover richiudere la tenda ogni volta che piove, e sarà quindi bene acquistarne un modello la cui pendenza possa facilmente permettere lo scorrere dell’acqua pluviale.

– Quale funzione deve svolgere effettivamente la tenda?
Stupirà molte persone: ma le tende da sole… non si usano soltanto quando c’è il sole, né soltanto per proteggersi dal sole. In diverse situazioni, addirittura, vengono acquistare soprattutto per proteggere un’area esterna dalla pioggia. Questa considerazione ci permette di acquistare, ancora una volta, il modello con le caratteristiche – di pendenza, di materiale, di avvolgibilità – più adatte alla particolare situazione di installazione.

– Come si integra la tenda con l’architettura del palazzo?
Non possiamo sottovalutare l’aspetto estetico, quando installiamo qualcosa di visibile come una tenda da sole. Se nei condomini, solitamente, ci sono precise regole che limitano modelli e colori, per evitare facciate pacchiane dove ad una tenda rossa se ne alternino tre blu, due gialle a righe bianche, e una verde, anche nelle case isolate come le ville è necessario tenere conto dell’impatto visivo della tenda. La varietà di modelli e colori permetterà certamente di trovare quello che fa al caso nostro.